Perché abbandono Facebook

Eccomi giunta a questa decisione. Non so perché sto anche a perdere tutto questo tempo nel scrivere addirittura un post! Comunque, visto che non ho intenzione di sparire nel nulla, per poi essere contattata solo per sapere che fine ho fatto, scrivo questo post. Ho valutato questa opzione da tempo ormai, l'ho soltanto rimandata. Ma… Continue reading Perché abbandono Facebook

Amicizia. Io la laurea ad honorem la pretendo!

Gli amici non sono psicologi.. al massimo sono psicopatici! Ed è anche per questo che vogliamo loro bene, per le loro peculiarità di persone uniche ed inimitabili. Ed è per lo stesso motivo che dovremmo amare e rispettare noi stessi, primi della lista nella nostra versione di amici psicopatici, travestiti da psicologi. Io però la… Continue reading Amicizia. Io la laurea ad honorem la pretendo!

Ricordati di santificare le Ferie!

Al ritorno da un periodo, seppur corto di ferie, l'unico pensiero che, come un mantra, ripeto è Ricordati di santificare le ferie!  Essere felici e grati di avere la possibilità di viaggiare, conoscere e allontanarsi dalla quotidianità (Beati quelli che possono farlo più spesso di quanto possa farlo io!). Mi piace organizzare e preparare il viaggio… Continue reading Ricordati di santificare le Ferie!

I DON’T NEED THERAPY… I HAVE A DOG!

Sembrava una settimana qualunque ed invece... come è giusto che sia, le sorprese sono tali proprio perché inaspettate! Era da tempo che speravo e pensavo di ricominciare le mie attività cinofile, per me e per i miei cani, abituati a "fare cose meravigliose" come ad esempio la ricerca di persone scomparse.  In Italia eravamo parte… Continue reading I DON’T NEED THERAPY… I HAVE A DOG!

Mamma, perché mi hai vestita da It?

Carnevale è terminato... per fortuna... Ho due ricordi terribili di questa ricorrenza. Qui racconto di quando mia madre ha deciso il mio primo travestimento: il Clown. Ero piccola, tre anni, ed ecco la scelta per quel Carnevale. "Ti vestirò da Clown". Ho ancora una foto, fatta appositamente dal fotografo (all'epoca si faceva così), in cui… Continue reading Mamma, perché mi hai vestita da It?

Le cornacchie nere e il ricordo di me bambina.

Oggi giornata uggiosa. Camminando per i prati con Laika, su quel verde smeraldo, rumorose e indaffarate c'erano centinaia di cornacchie nere. E mi è ritornato in mente un fatto di quando ero molto piccola. Avevo sette anni, vivevo in un posto dimenticato da dio, ma nella natura. Un giorno, in prossimità di un muretto di… Continue reading Le cornacchie nere e il ricordo di me bambina.

Il lunedì e la sveglia del Mulino Bianco

Ai tempi della scuola, passavo la notte a cavallo tra la domenica e il lunedì ad ascoltare musica con le mie super cuffie insonorizzate e leggevo, distesa sul letto. Arrivava il mattino in men che non si dica e ad indicarmelo, dopo appena due ore di sonno, era la sveglia. Pur non essendo esattamente come… Continue reading Il lunedì e la sveglia del Mulino Bianco

La maglia a righe, il pigiama di papà e le camicie della mamma

Quando avevo quattordici anni, decisi che era arrivato il momento di frugare nell'armadio di mamma e papà, allo scopo preciso di recuperare sicuri reperti direttamente conservati dagli anni Settanta. Oltre ad ascoltare la musica di quegli anni, ero affascinata dagli indumenti che vedevo nelle fotografie dei miei genitori, giovani e belli. Per esempio, c'era una… Continue reading La maglia a righe, il pigiama di papà e le camicie della mamma

Generazione Y

La Generazione Y comprende tutti i nati dal 1980 al 1990, seguendo quella più conosciuta X. Detta anche Millennial Generation, Generation NExt... Qui ci ritroviamo io, la mia esistenza  e i primi turbamenti adolescenziali. Come quella volta, era una delle prime volte che fumavo. Ero con due mie amiche. Abitavamo in un quartiere di periferia, accanto… Continue reading Generazione Y

Il vestito buono della Domenica

Quando ero piccola avevo un guardaroba "pensato". Se ne occupava mia madre. Per i giorni di scuola avevo vestiti semplici e comodi, da indossare sotto il grembiule: tute, leggings (che all'epoca, reduci dagli anni Ottanta, chiamavamo fuson o pantacollant), oppure vestitini dalle tonalità di rosa più disparate. Indossavo sempre il cerchietto ai capelli, verso il… Continue reading Il vestito buono della Domenica