Nostra Signora della Solitudine di Marcela Serrano

Nostra Signora della Solitudine
9788807817236_quarta
Marcela Serrano

2001
Universale economica
Feltrinelli
pp. 192
€ 7,00
ISBN 9788807817236

 

 

Ho letto molti libri di Marcela Serrano, questo l’ho scelto dal titolo, senza essere a conoscenza che fosse un romanzo giallo, in cui le protagoniste sono, ancora una volta, donne.

Siamo in Cile, Carmen Lewis Ávila, affermata scrittrice, scompare. La polizia ha archiviato il caso quando viene affidato a Rosa Alvallay, investigatrice privata.

Be’, sì, credo che mi abbiano scelto perché sono una donna.

Sono le prima parole che pronuncia Rosa.
È donna riservata, Rosa, sui cinquanta, due figli e un divorzio alle spalle. Verrà travolta dalla vita di Carmen e capirà che l’enigma della sua scomparsa potrebbe celarsi nei suoi romanzi. Specchio di un animo inquieto.
Durante gli interrogatori, conosce Carmen attraverso gli occhi di chi le è stato accanto, scoprendo una donna tormentata, sin da piccola, dall’abbandono.  Proprio per esorcizzare questo senso di vuoto Carmen decide di iniziare a scrivere. Dopo varie peripezie, nonostante la vita agiata, accanto al rettore Tomás Rojas, che la condurrà a trasferirsi in Cile, comincia a vivere nell’inadeguatezza del non amare, nella nostalgia della passione vera. Altri raccontano di una donna leggera, sorridente, intelligente che ad un certo punto si è spenta.

…non mi sono mai sentita padrona di nulla. Mi sarò chiesta mille volte come abbia fatto Kafka a trasformare il sentimento di inettitudine trasmessogli dal padre in qualcosa di nobile e fecondo. A me non è accaduto…

Rosa capisce che se vuole scoprire il mistero di questa scomparsa deve fondersi con la scrittura di Carmen. L’enigma della sua scomparsa potrebbe celarsi nei suoi romanzi. Quella donna, madre, moglie ubbidiente, scrittrice, avrà colto l’occasione di riscattare la propria vita e darsi un’altra possibilità?

Alcune parti della storia sono contorte e non di facile lettura, forse volutamente la scrittrice cerca un modo per mischiare le carte, unire le vite delle due donne e confondere il lettore.

Oltre alle sempre vive voci femminili di Marcela Serrano, il suo modo di descrivere l’ambientazione in pochi passaggi, permette al lettore di restarne affascinato.

 Non ho mai pensato di andare in Messico, ma ora non faccio altro che immaginare Oaxaca!

Nonostante il finale un po’ scontato, nell’ultima parte, l’autrice ci regala una lunga riflessione di Rosa, sulla sua vita paragonata a quella di Carmen.

Che privilegio stravagante abbandonare la propria casa con tutto quello che contiene per ricominciare da capo: significa dover ricomprare tutto, da una padella a un paio di mutande.

A cosa allude il titolo?

Lo lascio scoprire a voi!

Sull’autrice

Marcela Serrano, nata a Santiago del Cile nel 1951, è una delle voci più importanti della narrativa sudamericana. Si è diplomata in incisione e ha lavorato in diversi settori di arti visive a Roma e nel suo paese. Attualmente dirige l’Istituto Profesional de Arte ?Vicente Pérez Rosales” dell’Università di Santiago. Con Feltrinelli ha pubblicato: Noi che ci vogliamo così bene (1996), che ha vinto in Francia il premio Côté des Femmes, Il tempo di Blanca (1998), L’albergo delle donne tristi (1999), Antigua, vita mia (2000), Nostra Signora della Solitudine (2001), Quel che c’è nel mio cuore (2002), Arrivederci piccole donne (2004), I quaderni del pianto (2007), Dieci donne (2011; “Audiolibri Emons-Feltrinelli”, 2012), Adorata nemica mia (2013; “Audiolibri Emons-Feltrinelli”, 2014) e Il giardino di Amelia (2016).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...